post

La ricetta del baccalà alla vicentina di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme

Oggi noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme ci trasferiamo in Veneto per presentarvi la cucina di questa regione. Uno dei piatti più caratteristici e simbolo della città di Venezia è il baccalà, che oggi noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme vi presentiamo nella variante alla vicentina.

Le origini del baccalà alla vicentina si perdono nel 1432 e dimostrano come un piatto può portare al suo interno il dna di una comunità. In quell’anno la spedizione di un mercante veneziano naufragò e si salvò grazie alla generosità degli abitanti dell’isola di Røst in Norvegia. Qui usava conservare il merluzzo essiccandolo e una volta tornato in patria il mercante decise di proporre questa versione anche a Venezia. I gastronomi vicentini capirono subito che lo stoccafisso poteva essere un’alternativa al costosissimo pesce fresco ed iniziarono ad elaborare ricette per poterlo utilizzare: in questo modo nasceva il baccalà alla vicentina.

Noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme vi invitiamo a provare la versione che abbiamo studiato appositamente per voi.

Ingredienti:

550 g di merluzzo stoccafisso

250 gr di latte fresco

130 gr di cipolle

2 salde sotto sale

25 gr di parmigiano reggiano grattugiato

10 gr di prezzemolo fresco

Farina 00 q.b.

Olio extravergine di oliva q.b.

Sale e pepe q.b.

 

Preparazione:

Ammollare lo stoccafisso è un’operazione che richiede molto tempo in quanto il pesce deve stare in acqua per circa 4 giorni. Per questo assicuratevi di calcolare bene i tempi. L’ammollo sarà sufficiente quando lo stoccafisso risulterà morbido. Una volta scolato levate la pelle e tagliatelo in piccoli tranci, che dovrete infarinare da tutti i lati. Nel frattempo in un tegame ampio fate andare 20 gr di olio con un soffritto composto da prezzemolo tritato e cipolla bianca tritata. Fate soffriggere per circa 10 minuti a fuoco moderato. Sciacquate le sarde sotto l’acqua corrente e unitele nel tegame. Mescolate frequentemente e lasciate imbiondire il soffritto. Quando sarà pronto unite i tranci di baccalà infarinati. Versate dentro il latte e la dose restante di olio d’oliva. Per finire insaporite con parmigiano grattato. Spolverate di sale e pepe a piacere e lasciate andare la cottura a fuoco molto basso con  coperchio per 4 ore.

Una volta pronto noi di Corso Matteotti 190 Montecatini Terme consigliamo di servirlo con crostini di polenta, come vuole la tradizione. Buon appetito!